Abuso del Diritto: compravendita immobiliare simulata in un conferimento
sabato 25 ottobre 2014

 

Ridurre
Ridurre
Focus

Abuso del Diritto: compravendita immobiliare simulata in un conferimento

Posted @ 01/04/2014    By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti
Posted in [ ABUSO DEL DIRITTO, Contenzioso Tributario, compravendita immobiliare simulata in un conferimento ] | 0 Comments

Abuso del Diritto: compravendita immobiliare simulata in un conferimento

ABUSO DEL DIRITTO

ABUSO DEL DIRITTO

Il conferimento da parte di un socio di un ramo d’azienda costituito da soli beni immobili, gravati da passività, e la successiva cessione della sua quota agli altri due soci della stessa società, deve essere riqualificato quale compravendita di immobili, con conseguente applicazione delle maggiori imposte di registro, ipotecaria e catastale dovute, ravvisata la natura sostanzialmente elusiva dell’operazione posta in essere.  

E’ quanto hanno deciso i giudici della Commissione tributaria regionale del Piemonte con la sentenza n. 45/38/10 del 2010, in merito a un avviso di liquidazione emesso dal competente ufficio delle Entrate relativo alla riqualificazione, ai sensi dell’ex articolo 20 del Dpr 131/1986, di una serie di atti posti in essere dalle parti ricorrenti.  

La riqualificazione operata dall’ufficio piemontese, riguardava una pianificazione di operazioni realizzate in un breve arco temporale. In sintesi la  costituzione di una società a responsabilità limitata con capitale sociale di 100mila euro da parte di tre soci, le cui quote venivano sottoscritte in misura minima (1,67% ciascuno) da due di loro, mentre la restante parte (96,66%) finiva sotto il controllo del terzo socio e liberata con il conferimento, da parte di quest’ultimo, della piena proprietà di un ramo d’azienda agricola per un valore patrimoniale netto di 96.660 euro.  Il conferimento veniva tassato, ai fini del Registro, nella misura fissa di 168 euro, in applicazione dell’articolo 4, comma 1, lettera A), n. 3, della Tariffa, parte prima, del Dpr 131/1986. Misura fissa anche per le imposte ipotecaria e catastale. La cessione della propria quota da parte del socio maggioritario agli altri due al prezzo complessivo di 96.660 euro, pari al valore nominale della stessa quota.  

L’ufficio, con avviso di liquidazione, evidenziava come il conferimento non avesse, in realtà, a oggetto un “ramo d’azienda agricola”, bensì esclusivamente beni immobili, e gli atti posti in essere, considerando il loro collegamento e l’unitarietà della “causa reale”, dovevano essere riqualificati quale compravendita di immobili, con conseguente applicazione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, dovute in misura proporzionale[1].  



[1] Le parti proponevano ricorso in Ctp, che confermava la bontà dell’avviso di liquidazione.   La sentenza veniva, quindi, impugnata davanti alla Ctr del Piemonte, riproponendo i motivi del ricorso originario e contestando, in particolare, la qualificazione dell’oggetto del conferimento operata dall’ufficio, nonché l’applicazione dell’articolo 20 del Dpr 131/1986.   I giudici piemontesi, dopo aver rilevato come il reale oggetto del conferimento fossero degli immobili e non un’azienda, in ragione della mancanza di ulteriori beni strumentali, hanno condiviso la riqualificazione operata dall’ufficio, motivando che “… è palese la dinamica contrattuale data dall’insieme dei due atti, ossia la costituzione di società con conferimento di azienda e la successiva cessione di quote fra essi consequenziali che concretizzano un’effettiva cessione della stessa, essendo l’atto di conferimento e la cessione delle quote societarie negozi strutturalmente collegati per l’identità dei soggetti, dell’oggetto e funzionalmente connessi per il contributo parziale che ciascuno dei due negozi giuridici da alla formazione progressiva di un’unica fattispecie che si identifica nell’unico effetto giuridico finale, ovvero il trasferimento di azienda”.   I giudici di secondo grado si pongono dunque sul medesimo solco tracciato, ormai da tempo, dalla giurisprudenza di legittimità, ricordando in proposito come “la Suprema Corte di Cassazione, con il suo costante orientamento, insegna che l’art. 20 stabilisce che la natura intrinseca degli atti registrati ed i loro effetti giuridici debbono prevalere sulla forma e sul titolo attribuito, privilegiando la sostanza sulla forma e sugli effetti rispetto ai dati formalmente enunciati anche frazionatamente in più atti”.   La sentenza fonda, quindi, la correttezza dell’operato dell’Amministrazione fiscale nei confronti dei singoli atti analizzati sul sostanziale collegamento tra gli stessi, in ragione della causa reale che li sottende, senza che il frazionamento negoziale possa essere di ostacolo all’applicazione dell’articolo 20 del Dpr 131/1986. Chiaro il riferimento alla posizione della giurisprudenza di legittimità in merito alle “operazioni spezzatino” espressa nella sentenza 13580/2007    I giudici, inoltre, sottolineano come “nel caso in esame sono stati posti in essere formalmente due atti, ma che nella sostanza rappresentano un’unica operazione a carattere elusivo al fine di aggirare il pagamento della maggior imposta dovuta per il trasferimento di beni immobili”,ponendo così l’accento sulla finalità elusiva perseguita dalle parti nell’attuazione della complessa procedura.   Una lettura dell’articolo 20, volta a far prevalere la sostanza sulla forma, consente di contenere le eventuali finalità elusive. In questo senso, “le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione con sentenza n. 30055 del 23.12.2008, hanno sancito che il contribuente non possa trarre indebiti vantaggi fiscali dall’utilizzo distorto, pur se non contrastante con una specifica disposizione, di strumenti giuridici idonei ad ottenere un risparmio fiscale, in difetto di ragioni economicamente apprezzabili che giustifichino l’operazione, diverse dalla mera aspettativa del risparmio fiscale”.   Né l’applicazione di tale principio può ritenersi esclusa in virtù della riformulazione dell’articolo 176 del Tuir, il cui terzo comma, a partire dal 2008, esclude l’applicazione dell’articolo 37-bis del Dpr 600/1973 nell’ipotesi di conferimento di azienda e successiva cessione della partecipazione. Secondo i giudici piemontesi, tale comma “non può trovare applicazione poiché il medesimo è riferito all’imposizione diretta del reddito delle società commerciali”.   La sentenza in esame consolida, anche nella giurisprudenza di merito (cfr Ctr Lombardia, sentenza n. 142/11/07 del 2007; Ctp di Milano, sentenza n. 26/7/10 del 2010; Ctp di Brescia, sentenze nn. 97/03/08 e 158/07/08, del 2008), l’applicazione del generale principio anti-abuso, sancito dalla Corte di cassazione (cfr sentenze nn. 8772 e 25374 del 2008), anche in materia di tributi non armonizzati che, nello specifico ambito delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, trova il proprio strumento attuativo nell’articolo 20 del Dpr 131/1986.  

Printable Version Printable Version Email to a friend Email to a friend
Recommend Recommend
Ridurre
Lascia un commento

Comments (0)

 
Pagina 1 di 1Primo   Precedente   Prossimo   Ultima   

 

Ridurre
Ridurre
Notizie ed aggiornamenti nel contenzioso tributario

Abuso del Diritto: compravendita immobiliare simulata in un conferimento

01/04/2014

Abuso del Diritto: compravendita immobiliare simulata in un conferimento

Il conferimento da parte di un socio di un ramo d’azienda costituito da soli beni immobili, gravati da passività, e la successiva cessione della sua quota agli altri due soci della stessa società, deve essere riqualificato quale compravendita di immobili… 

ABUSO DEL DIRITTO, Contenzioso Tributario, compravendita immobiliare simulata in un conferimento | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

Interpello: Come presentare istanza di interpello ordinario

26/02/2014

Interpello: Come presentare istanza di interpello ordinario

L'istituto dell'interpello ordinario, inteso come la possibilità di adire il parere dell’Agenzia su una materia dubbia, proponendo una propria interpretazione inerente un caso concreto e personale, è disciplinato dall'articolo 11 della Legge n. 212 del 2000, (cfr Statuto del contribuente).

Contenzioso Tributario, INTERPELLO | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

Fermo amministrativo: non consentito sui beni strumentali

11/02/2014

Fermo amministrativo: non consentito sui beni strumentali

Il D.L. 21 giugno 2013, n. 96 (c.d. Decreto del fare) ha stabilito che l’Agente per la  riscossione non può più disporre il fermo amministrativo sui beni del debitore se  questi sono strumentali all’attività d’impresa o professionale.

Misure Cautelari, Contenzioso Tributario, Fermo amministrativo | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

Redditometro (nuovo) e favor rei: si applica  anche per le annualità fino al 2008

28/01/2014

Redditometro (nuovo) e favor rei: si applica anche per le annualità fino al 2008

Il nuovo redditometro, quale norma di natura procedimentale, se più favorevole al contribuente (favor rei), si applica anche per le annualità fino al 2008. La sentenza della CTR Veneto costituisce un ulteriore tassello a favore della “retroattività” del nuovo strumento e della tutela del contribuente.

REDDITOMETRO (NUOVO), Contenzioso Tributario, FAVOR REI E RETROATTIVITA DEL NUOVO REDDITOMETRO | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

New Slot rapporti concessionario, gestore ed esercente per esenzione iva e calcolo del preu

07/01/2014

New Slot rapporti concessionario, gestore ed esercente per esenzione iva e calcolo del preu

Per  la  gestione  degli  apparecchi,  viene  normalmente  prevista   la sottoscrizione di due distinti contratti: il primo tra la concessionaria  ed il gestore, che regola gli impegni assunti dal secondo nella installazione e gestione degli  apparecchi  in  conformità...

Contenzioso Tributario, Giochi e Scommesse Slot Machines | By Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

CENTRI SPORTIVI & CIRCOLI: METOLODIE DI CONTROLLO DA PARTE DELLA AGENZIA DELLE ENTRATE

15/12/2013

CENTRI SPORTIVI & CIRCOLI: METOLODIE DI CONTROLLO DA PARTE DELLA AGENZIA DELLE ENTRATE

Pubblicate sul sito della Agenzia delle Entrate le presenti istruzioni finalizzate all’esecuzione dei controlli nei confronti dei gestori di impianti sportivi (Palestre, Circoli di Canottaggio, Cloub di Golf, etc..). 

Metodologie di Controllo, Contenzioso Tributario, Centri Sportivi o Circoli | By Riproduzione Riservata | 0 Comments

FAC SIMILE DI RICORSO TRIBUTARIO, DI ISTANZA DI ADESIONE ALLA  MEDIAZIONE E DI ISTANZA DI ADESIONE ALL’AVVISO DI ACCERTAMENTO CON ALLEGATA MEMORIA DIFENSIVA

03/12/2013

FAC SIMILE DI RICORSO TRIBUTARIO, DI ISTANZA DI ADESIONE ALLA MEDIAZIONE E DI ISTANZA DI ADESIONE ALL’AVVISO DI ACCERTAMENTO CON ALLEGATA MEMORIA DIFENSIVA

Attivo  il servizio di assistenza e consulenza fiscale in ogni fase del ricorso tributario sia verso persone fisiche ed aziende che verso altri professionisti in conto lavorazione da terzi (outsourcing).

Contenzioso Tributario, Fac simile ricorso Tributario | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

MEDIAZIONE TRIBUTARIA: FAC SIMILE ISTANZA DI MEDIAZIONE

02/12/2013

MEDIAZIONE TRIBUTARIA: FAC SIMILE ISTANZA DI MEDIAZIONE

Per i contenziosi  tributari  “minori”, ossia quelle liti di importo inferiore ad €. 20.000, dal 1° aprile 2012 il contribuente non può presentare ricorso diretto alla commissione tributaria provinciale (ex primo grado) ma deve attenersi a quanto stabilito per il nuovo istituto della mediazione… 

Contenzioso Tributario, FAC SIMILE ISTANZA DI MEDIAZIONE TRIBUTARIA | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

NEWSLOT VLT AWP: RAFFICA DI AVVISI DI ACCERTAMENTO AI GESTORI PER ANNUALITÀ A DECORRERE DAL 2008 - COME PREVENIRE E  DIFENDERSI

21/10/2013

NEWSLOT VLT AWP: RAFFICA DI AVVISI DI ACCERTAMENTO AI GESTORI PER ANNUALITÀ A DECORRERE DAL 2008 - COME PREVENIRE E DIFENDERSI

Ogni anno centinaia di Gestori di apparecchi da gioco lecito di cui all’articolo 110 del TULPS, Comma 6 lettera A,  in tutta la penisola hanno ricevuto notifica di avvisi di accertamento ai fini Irpef, Ires, IVA ed Irap almeno in relazione alla annualità di imposta 2008.

Giochi d'azzardo consulenza fiscale e legale, esenzione iva, assistenza contrattuale, Fisco & Tributi, NEWSLOT GESTORI, Contenzioso Tributario, Giochi e Scommesse Slot Machines | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

RISTORANTI E TRATTORIE: COME DIFENDERSI DAI CONTROLLI  E DAGLI AVVISI DI ACCERTAMENTO PIANIFICANDO LA PROPRIA SERENITÀ

20/10/2013

RISTORANTI E TRATTORIE: COME DIFENDERSI DAI CONTROLLI E DAGLI AVVISI DI ACCERTAMENTO PIANIFICANDO LA PROPRIA SERENITÀ

Quotidianamente migliaia di Ristoranti e Trattorie subiscono ispezioni, accessi, verifiche che spesso si traducono in avvisi di accertamento, la cui gestione in termini di contenzioso può essere un bagno di sangue in termini finanziari. 

Metodologie di Controllo, Contenzioso Tributario, Ristoranti e Trattorie, Fisco & Tributi, Ristorante | By Studio Associato Alessio Ferretti & Partners, Dott. Alessio Ferretti | 0 Comments

 

Ridurre
Ridurre
Contatti & Recapiti
 





Ridurre
Facebook
Ridurre
Le nostre Due Diligence
 
   
   
   
 
 
   
   
 
 
Il Network   |   Fisco e Tributi   |   Fisco e Contenzioso   |   Fisco Sport e Non Profit   |   Fisco ed Agricoltura   |   Fisco Editoria TV    |   e-commerce   |   Dogana   |   Finanza    |   意大利华人
Copyright 2012 - 2050 Network Fiscale S.r.l. a socio unico P.I. & C.F. 12059071006